SPAZI & PADRONI
Lascia un commento

‘Stare fermi girando il mondo’ Intervista a Simona Berardi di SENSUM

SENSUM women

In un mondo ormai regolato dall’artificio, come riportare l’estetica alla sua forma originale? Ci hanno pensato Simona Berardi e Carla Armillei, con la collaborazione di Alice Camandona, creando SENSUM, un laboratorio che ha come obiettivo la ‘realizzazione di differenti progetti creativi di moda in un unico spazio, basati su regole di condivisione, collaborazione e reciprocità tra artisti e creativi di diversi settori’.

In vista dell’evento ‘Skills on Showcase’ del prossimo 17 Luglio che si terrà presso il laboratorio, siamo andati a curiosare di persona per saperne di più.

Qual è il segreto di Sensum?
L’idea che ci sta dietro: la volontà di partire da un frammento del reale per mettere a fuoco l’insieme, di iniziare dal materiale grezzo per interpretarlo in maniera personale. Attraverso il laboratorio di serigrafia artigianale, la sala posa e una sartoria completamente indipendente, l’idea è quella di abbattere la spersonalizzazione del grande consumo: noi e chi collabora con noi ci mette la sua faccia, condividendo sia gli spazi che le idee.

Quello che ci spinge è l’idea di viaggiare da qui, dove siamo ferme perché abbiamo creato un nucleo. Per creare connessioni con chiunque sia vicino a questo tipo di pensiero. Così facendo la geografia diventa irrilevante: un grafico può lavorare da Shangai per qualcuno che stamperà i suoi prodotti da noi, ad esempio. Solo la sartoria nasce e finisce qui, gestita da noi come regia, una squadra in co-working. Dal disegno al confezionamento.

Il 17 Luglio Sensum apre ancora di più le porte: cosa ci dobbiamo aspettare?
Evento SENSUM

La condivisione non solo di uno spazio, ma anche di esperienze e idee con lo scopo di creare una rete e generare lavoro. In passato abbiamo provato diversi tipi di eventi – da un temporary store dell’artigianato a un festival di musica – per testare la modalità orizzontale di organizzazione. Questa volta punteremo a stimolare le persone chiedendo loro di sintetizzare in un immagine il proprio lavoro. Immagini che proietteremo a schermo. Abbiamo invitato tra le 200 e le 300 persone, facce conosciute e non. Ci saranno anche un po’ di sorprese: inclusa una t-shirt Sensum mai realizzata prima e un premio legato al nostro crowdfunding. Stay tuned!

Quanto è importante Roma nella vostra storia e per lo spirito di Sensum?
283228_373884836038508_1520887919_nRoma è una prima linea. Se pensiamo all’Italia come paese, Roma non ne è solo capitale ma anche la perfetta espressione della sua situazione sociale e politica. Da una parte c’è una fortissima estetica, coltivata in modo artigianale da sempre. Dall’altra le difficoltà di trovare un proprio spazio, un proprio ritmo. Questa città ti da la possibilità di di rimetterti in contatto con la natura delle cose, se le cerchi. Per noi è la città più underground che ci sia, e anche se allargando la lente tutto è difficile dovunque, noi abbiamo scelto di stare nel posto più difficile. Per stare fermi girando il mondo. Perché qui devi scavare, e se non lo fai Roma ti sotterra.

Torniamo un secondo alle origini: da cosa nasce l’incontro fra te e Carla?
Carla e SimonaCi ha fatte incontrare la musica, un elemento che per noi resta fondamentale, fatto di ritmo, melodie, storie da condividere. Io faccio anche la DJ e Carla balla qualunque tipo di musica. 10 anni fa ci siamo incontrate in un locale di Roma e tuttora ci seguiamo a vicenda. Abbiamo anche due background molto diversi, lei ha studiato filosofia e serigrafia mentre io sono passata dalle Scienze Umanistiche alle Lingue fino alla Medicina Cinese. Le nostre esperienze ci hanno unite, e un po’ di fortuna ha fatto il resto!

Cosa c’è all’orizzonte per Sensum?
77denari2Un sacco di cose! Il nostro primo progetto, 77 Denari (una linea di collant prodotti in edizione limitata) ci ha dato grandi soddisfazioni. Adesso stiamo puntando su due nuovi progetti. Uno nato nel 2010 riguarderà la personalizzazione, con l’idea di creare un modo facile per rivedere il proprio corpo in una nuova luce e riappropriarsi di se stessi. Un altro avrà come focus la pazienza. Lo scopo è quello di riscoprire la semplicità del lavoro, la necessità di seguirne l’evoluzione con i suoi tempi. Svilupperemo un capo no-gender che esprimerà questo concetto.Screen Shot 2015-07-09 at 17.19.57

Gli spazi di Sensum sono disponibili qui e… ci vediamo il 17 Luglio nel centro del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...